Cucina a km zero: il ritorno all’agricoltura

[vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”grid” parallax_content_width=”in_grid” angled_section=”no” angled_section_position=”both” angled_section_direction=”from_left_to_right” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern” background_color=”#f6f3f3″ row_negative_margin=”” padding_top=”70″ padding_bottom=”10″ video_opts=”” multi_color_overlay=”” css=”.vc_custom_1437749154804{border-top-width: 15px !important;border-right-width: 15px !important;border-bottom-width: 15px !important;border-left-width: 15px !important;}”][vc_column width=”1/1″][vc_column_text css=”.vc_custom_1437749329494{margin-right: 35px !important;margin-left: 35px !important;}”]La massiccia industrializzazione degli ultimi decenni ha avuto conseguenze che si credevano irreversibili. Per soddisfare il fabbisogno della nutrita popolazione delle città, l’agricoltura e l’industria alimentare si sono dovute massificare: ma a quale prezzo?

Se un tempo si metteva in tavola quello che veniva coltivato nell’orto, ora ci si deve accontentare di quello che si trova sui banchi del supermercato. Spesso si tratta di prodotti che vengono da molto lontano, e questo incide sul loro prezzo e sulla loro qualità.[/vc_column_text][vc_empty_space height=”32px” background_image=”” image_repeat=”no-repeat”][vc_single_image image=”15899″ alignment=”center” border_color=”grey” img_link_large=”” img_link_target=”_self” img_size=”full” css=”.vc_custom_1437749252138{border-top-width: 15px !important;border-right-width: 15px !important;border-bottom-width: 15px !important;border-left-width: 15px !important;}” style=”vc_box_border”][vc_empty_space height=”32px” background_image=”” image_repeat=”no-repeat”][vc_column_text css=”.vc_custom_1437749368973{margin-right: 35px !important;margin-left: 35px !important;}”]Anche la ristorazione è profondamente cambiata: non è più possibile preparare piatti che ricordino la cucina della nonna.

Tutto ha un sapore diverso.

Ad un certo punto, così, si è avvertita l’esigenza a tornare ad un modo di alimentarsi più naturale, più vicino alla terra, alle origini, alle nostre radici. In questo modo è nata la cucina detta a chilometro zero, che in molti hanno deciso di adottare.

Fare cucina a chilometro zero vuol dire comprare prodotti coltivati nel territorio in cui si vive, e questo si traduce in costi minori, in una valorizzazione delle tipicità locali, e in una maggiore salubrità di ciò che si mangia.[/vc_column_text][vc_empty_space height=”32px” background_image=”” image_repeat=”no-repeat”][vc_single_image image=”15903″ alignment=”center” border_color=”grey” img_link_large=”” img_link_target=”_self” img_size=”full”][vc_empty_space height=”32px” background_image=”” image_repeat=”no-repeat”][vc_column_text css=”.vc_custom_1437749380569{margin-right: 35px !important;margin-left: 35px !important;}”]Con il chilometro zero si possono riscoprire varietà vegetali dimenticate, perché la selezione industriale aveva portato a privilegiarne altre, e si possono gustare nuovamente i sapori di un tempo.

Si può tornare davvero a praticare la cucina dei nostri nonni: i clienti di un ristorante a chilometro zero sono come ospiti, a cui servire solo le cose migliori che la terra ci ha offerto.

Con il chilometro zero, inoltre, l’impatto ambientale viene annullato: il prodotto si trasferisce letteralmente dal produttore al consumatore, senza alcun intermediario.

I ristoranti che sposano la filosofia della cucina a chilometro zero si distinguono nettamente dagli altri, e non solo per l’aspetto economico.

Ogni pietanza che viene servita trasmette l’amore e la cura con cui è stata preparata.

Ai Giardini di Ararat usiamo solo ingredienti e prodotti della Tuscia, e lo facciamo affinché chi viene da noi possa riscoprire fino in fondo il sapore vero della vita.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” header_style=”” parallax_content_width=”in_grid” anchor=”” in_content_menu=”” content_menu_title=”” content_menu_icon=”” angled_section=”no” angled_section_position=”both” angled_section_direction=”from_left_to_right” text_align=”left” video=”” video_overlay=”” video_overlay_image=”” video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_image=”” background_image=”” background_image_as_pattern=”without_pattern” section_height=”” parallax_speed=”” background_color=”” border_color=”” row_negative_margin=”” side_padding=”” parallax_side_padding=”” padding_top=”” padding_bottom=”” color=”” hover_color=”” more_button_label=”” less_button_label=”” button_position=”” css_animation=”” transition_delay=”” bg_type=”” parallax_style=”” bg_image_new=”” layer_image=”” bg_image_repeat=”” bg_image_size=”” bg_cstm_size=”” bg_img_attach=”” parallax_sense=”” bg_image_posiiton=”” animation_direction=”” animation_repeat=”” video_url=”” video_url_2=”” u_video_url=”” video_opts=”” video_poster=”” u_start_time=”” u_stop_time=”” viewport_vdo=”” enable_controls=”” bg_override=”” disable_on_mobile_img_parallax=”” parallax_content=”” parallax_content_sense=”” fadeout_row=”” fadeout_start_effect=”” enable_overlay=”” overlay_color=”” overlay_pattern=”” overlay_pattern_opacity=”” overlay_pattern_size=”” overlay_pattern_attachment=”” multi_color_overlay=”” multi_color_overlay_opacity=”” seperator_enable=”” seperator_type=”” seperator_position=”” seperator_shape_size=”” seperator_svg_height=”” seperator_shape_background=”” seperator_shape_border=”” seperator_shape_border_color=”” seperator_shape_border_width=”” icon_type=”” icon=”” icon_size=”” icon_color=”” icon_style=”” icon_color_bg=”” icon_border_style=”” icon_color_border=”” icon_border_size=”” icon_border_radius=”” icon_border_spacing=”” icon_img=”” img_width=”” ult_hide_row=”” ult_hide_row_large_screen=”” ult_hide_row_desktop=”” ult_hide_row_tablet=”” ult_hide_row_tablet_small=”” ult_hide_row_mobile=”” ult_hide_row_mobile_large=””][vc_column width=”1/1″][/vc_column][/vc_row]